Scoperta coda di dinosauro conservata in ambra

0
189

La coda di un dinosauro risalente a 99 milioni di anni fa, compresa di ossa, tessuti molli e addirittura piume, è stata scoperta all’interno di un pezzo di ambra. La notizia è stata riportata dalla rivista scientifica Current Biology; insieme all’ambra si nota anche la presenza di una formica e di parti di piante.

Nonostante fossero già state scoperte altre piume dell’era dei dinosauri in ambra fossile, questa è la prima volta in cui siano ancora attaccate alle ossa dell’antico proprietario. Il ritrovamento comprende ben 8 vertebre della coda del dinosauro, e permette di riconoscerne la specie.

Si presuppone che l’antico animale fosse appartenente al gruppo dei coelurosauri, dinosauri teropodi che comprendevano anche i velociraptor e il tirannosauro.

Se le piume fossero una caratteristica comune a tutti i dinosauri o fossero relativamente rare rimane tuttora una questione aperta; in ogni caso sono i coelurosauri, strettamente imparentati con gli uccelli, ad essere responsabili della maggior parte dei ritrovamenti di piume di dinosauro.

Le piume servivano per volare?

La presenza delle vertebre della coda ha permesso di escludere la possibilità che le piume appartengano ad un uccello preistorico. Gli uccelli moderni ed i loro antenati più stretti del Cretaceo presentano una serie di vertebre fuse, che permettono alle penne di muoversi come una singola unità.

Non avendo questa caratteristica, secondo i ricercatori è improbabile che i coelurosauri avessero la capacità di volare. Le ipotesi suggeriscono piume con funzione ornamentale (es. corteggiamento) o di regolazione della temperatura.

Non finisce qui

Nell’ambra sono presenti anche buone quantità di tessuti molli, e l’alto contenuto di ferro suggerisce che possa essere presente emoglobina proveniente dal sangue del dinosauro. Quest’ultimo aspetto è tuttora da appurare con ulteriori analisi.

Protagonista dell’inestimabile scoperta (oltre al minatore che ha scavato l’ambra) è Lida Xing della China University of Geoscience, la quale si imbattè in un mercato dell’ambra in Birmania e si assicurò che questa fosse comprata a scopo di ricerca scientifica, salvandola dalla sorte di ornamento.

Pic: R.C. MC Kellar, Royal Saskatchewan Museum

http://news.nationalgeographic.com/2016/12/feathered-dinosaur-tail-amber-theropod-myanmar-burma-cretaceous/

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here