Un fortunato pescatore ha rinvenuto un pezzo di vomito di balena da 3 milioni di $

0
376

Tre pescatori di Oman sono i protagonisti di un ritrovamento davvero fortunato: un pezzo gigante di amber gris (vomito di balena) dal peso di ben 80 kg, il cui valore è stato stimato a circa 3 milioni di $.

Come può un tale prezzo essere giustificato? Il motivo è che l’ambergris è un ingrediente estremamente dall’industria dei profumi, che lo utilizza nella preparazione delle fragranze più costose. L’ambergris permette di creare profumi più duraturi conservando le essenze, e come si può immaginare, è estremamente difficile da rimediare (da qui il prezzo incredibile).

Nonostante l’ambergris sia comunemente chiamata “vomito di balena”, è stata definita in diversi modi.

I biologi sono convinti che la sostanza venga secreta dall’apparato digerente dei capodogli, e abbia la funzione di rivestire oggetti e pezzi di cibo che l’animale non è in grado di digerire, con lo scopo di proteggerlo (ad esempio il becco dei molluschi cefalopodi).

Il principale costituente chimico dell’ambra grigia è l’ambreina e l’attrazione che il suo odore esercita è dovuta al grande contenuto di feromone analogamente ad altre sostanze aromatiche di origine animale, come il castoreum.

Dopo che è stata prodotta una quantità sufficiente di ambergris, il capodoglio lo rigurgita, oppure lo espelle come fosse un escremento: in entrambi i casi, è un fenomeno abbastanza schifoso.

Una volta che il pezzo di ambergris è stato espulso, galleggia per un po’ sulla superficie dell’oceano, ed è per questo che è conosciuto anche con il nome di “oro galleggiante”. Ed è proprio in mare aperto che i pescatori hanno rinvenuto il loro tesoro: immaginate le probabilità di un ritrovamento del genere, probabilmente assimilabili a vincere al superenalotto.

La disgustosa fortuna è stata ritrovata al largo della costa del Qurayat – una regione nel nord est dell’Oman – da un gruppo di tre amici pescatori.

Uno dei tre, Khalid Al Sinani, ha passato la sua intera vita a pescare in quest’area, sperando un giorno di trovare questo “biglietto vincente” della lotteria dell’oceano.

“Abbiamo usato una corda per tirarlo a bordo” afferma Al Sinani.

“Mi era stato detto che l’ambra grigia avesse un odore pungente, ma dopo un paio di giorni diventa piacevole. Dopo il ritrovamento siamo tornati a casa di corsa, eravamo euforici.”

Al Sinani è stato davvero fortunato a ritrovare il pezzo, poiché la maggior parte delle volte l’ambergris viene ritrovata in spiaggia, trasportata dalla marea, e può galleggiare anche per anni prima di arrivare a riva.

Non è il solo ad aver ritrovato quantità notevoli della sostanza; per esempio, questo Aprile, una coppia di inglesi a Middleton Sands (Lancashire) ebbe la fortuna di trovare un pezzo da 1.5 kg sulla spiaggia, dal valore di 50.000 $.

“Era in una parte di spiaggia dove non va mai nessuno” afferma Gary Williams, lo scopritore. “Ha un odore terribile, molto particolare. Direi che è un misto tra l’odore di un calamaro e quello di letame.”

Dunque, la prossima volta che vi ritroverete in spiaggia, date un’occhiata a dove mettete i piedi: se vedete un tocco di cera simile a un fossile, con un pessimo odore, potrebbe essere il vostro biglietto per la pensione!

Dove conviene cercarlo? Principalmente nell’oceano atlantico, e sulle coste di Sud Africa, Brasile, Madagascar, Maldive, Cina, Giappone, India, Australia, Nuova Zelanda. La maggior parte dell’ambergris raccolto a scopi commerciali proviene dalle Bahamas (Caraibi), soprattutto da New Providence.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here